mercoledì 28 marzo 2007

CRISTIANA CORRADI

Conosco Lorenzo e tutta la sua famiglia.
Persone che non si possono non amare...per questo quando oggi ho saputo dell'accaduto, sono rimasta senza parole .Drammaticamente incredula che potesse essere accaduta una cosa del genere proprio a lui.

So della malattia, dei sacrifici, della sofferenza, della lotta per combatterla,.....so dei 16 lunghissimi anni passati a cercare di tenerla a bada, perchè tanto non si può scoffingerla!!!!!!

E ora? 0,8 fottuti grammi ( anche se sono contraria alle droghe) devono essere la causa per mandare tutto a puttane?

Esiste una coscienza e una consapevolezza nella testa di coloro che hanno appena fatto di tutto per riportarci a casa il "nostro" Mastrogiacomo che li faccia riflettere che la vita di Lorenzo vale tanto quanto e che bisogna agire subito?

Sono fiduciosa e prego Dio

Cristiana

2 commenti:

arianna ha detto...

Grazie Cristiana,

sei sempre stata legata da un affetto particolare per mio fratello da una amicizia profonda.
Eccoti qua insieme a noi . Grazie

Anonimo ha detto...

Mi unisco a ciò che ha scritto Cristiana ( di cui per altro sono sostenitrice )

Vogliamo Lorenzo Libero. E subito.